USA 1994 Stampa

Il 9 Maggio 1994, Di Sora, Mallia e Masi arrivarono in Arizona (U.S.A.) per iniziare un viaggio spettacolare per  visitare i più grandi osservatori astronomici americani.  Per il punto di partenza del viaggio fu scelto lo stato dell’Arizona perché c’è l’Osservatorio Nazionale U.S.A. e perché il 10 Maggio, il giorno successivo all’arrivo, sarebbe avvenuta la più bella eclisse solare anulare  la cui fase centrale attraversava il bordo sud dello stato dell’Arizona. Pertanto nel mattino del Martedì 10 Maggio il gruppo arrivò al punto di osservazione presto, fu uno spettacolo affascinante attraversare il deserto di Sonora con la luce del Sole alta nel cielo, gradualmente eclissata dalla Luna.

Fortunatamente riuscimmo ad arrivare prima che iniziasse la fase totale con il paesaggio illuminato da una luce spettrale. Fu meraviglioso osservare il sottile anello di luce al posto del nostro Sole. La fase totale durò quattro minuti e dopo la fine dell’eclisse tornammo a Tucson, il nostro campo base, attraversando alcune  splendide città come Tombstone e la caratteristica Corral City.

Il giorno dopo visitammo Kitt Peak che sorge su una antica montagna sacra indiana, sito ricoperto di una miriade di telescopi  per le osservazioni notturne e di telescopi solari come il 4.0 metri “Mayall” e la torre solare “MacMath”. Dopo  l’Arizona partimmo alla volta delle isole Hawaii dove è situato l’Osservatorio di  Mauna Kea , un grosso complesso di telescopi che ospita il più grande telescopio del mondo, Keck I e Keck II, una di coppia  gemella di telescopi riflettori con uno  specchio di 10 metri di diametro suddiviso in segmenti esagonali che possono lavorare anche come un interferometro nello spettro della luce visibile.

La selvaggia isola Hawaii Big ha un paesaggio  unico, caratterizzato dal "Mauna Loa, il vulcano attivo, e" Mauna Kea ", spento, dove si trova l'Osservatorio. Durante i mesi invernali, è possibile fare il bagno in mare cha ha acqua calda e sciare sulle nevi del  Mauna Kea, a 4200 metri di altitudine. La lussureggiante vegetazione tropicale, il meraviglioso mare, la splendide vedute, il paesaggio lunare del "Parco Nazionale del Vulcano" con vulcani attivi come il Mauna Loa ed il Kilauea, il contatto violento  tra la lava arroventata e la fredda acqua di mare, sono solo alcuni splendori di questa terra. Dopo qualche giorno dedicato a visitare Big Island,  andammo  al Mauna Kea per vedere una delle sedi più ricche di osservatori astronomici nel mondo, con i suoi Keck I e II Telescopi  di 10 metri, una serie di telescopi di  4 metri  e di 8 metri  come il "Subaru" Nippon telescopio e il "Gemini". Non ci sono parole per spiegare questo spettacolo, solo le immagini possono farlo.

L’ultima tappa del viaggio è Los Angeles, in California, la vicina "Monte Palomar" , "Monte Wilson" e gli Osservatori della NASA JPL (Jet Propulsion Laboratory) a Pasadena.  Los Angeles è una grande città, molto ampia. Il panorama con tutto la sua vastità è visibile dall’Osservatorio  "Griffith"  e Planetario sul monte di Hollywood, dove abbiamo potuto ammirarla sia durante il giorno sia la sera,  quando si presenta come un mare di luci aritificali, ricordandoci il problema dell'inquinamento luminoso. In giorni seguenti viaggiammo in tutta la California meridionale e nella città di Los Angeles per  visitare le suddetti osservatori e centri di ricerca fino al viaggio di ritorno che si è concluso a fine maggio. Ricordiamo ancora il volo di ritorno, perché abbiamo sorvolato la Groenlandia all'alba….una meraviglia!