L'OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI CAMPO CATINO COINVOLTO DALL'ANAS NELLE VERIFICHE SUL NUOVO IMPIANTO A LED CHE ILLUMINA IL GRANDE RACCORDO ANULARE DI ROMA Stampa
Scritto da Lauro Fortuna   
Lunedì 31 Ottobre 2016 10:39

Ripresa luminanza GRAGrazie alla disponibilità e su richiesta dell'ANAS la sera del 27 ottobre  personale tecnico dell'Osservatorio di Campo Catino  ha effettuato una serie di controlli per la verifica del nuovo  impianto di illuminazione del  GRA.

Le operazioni, che hanno visto la partecipazione dell'Ing. Luigi Carrarini e assistenti tecnici per conto di ANAS e di Mario Di Sora e Ugo Tagliaferri per l'Osservatorio di Campo Catino, sono consistite  nella verifica: 1) dei limiti di emissione verso l'alto imposti dal Reg. Att. 8/05 della L.R. 23/2000 sull'inquinamento luminoso; 2) dei valori di luminanza media del manto stradale in relazione alla normativa tecnica; 3) delle soluzioni adottate per la riduzione dei consumi energetici sia in relazione all'impianto precedente che a quello di nuova fattura.

Le misure di luminanza sono state effettuate da Ugo Tagliaferri, responsabile del settore inquinamento  luminoso dell'OACC, con il luminanzometro Delta Ohm HD 2302.2 in dotazione alla specola di Campo Catino.

Mario Di Sora a sinistra e Ing. Luigi Carrarini a destra sul GRADai primi dati, raccolti a campione lungo il GRA, si evince che il  nuovo impianto a led sarà in grado di soddisfare le prescrizioni imposte.

Una volta portato a regime, con oltre 4000 punti luce, sarà in grado di assicurare una buona visibilità dell'asse viario, grazie alla luminanza media di 2 cd/mq, ma con una riduzione dei consumi di almeno il 50%. Ciò è stato possibile passando dalle armature con lampade SAP da 400 W a quelle nuove da circa 200 W della Philips.

Inoltre, dopo le ore 24, vi sarà un'ulteriore  riduzione di flusso, non inferiore al 30%,  che diminuirà ulteriormente sia i consumi che l'inquinamento luminoso da riflessione. Una stima preliminare rende fondato ritenere che il disturbo da luce diffusa (light-pollution) verrà ridotto, rispetto la vecchia soluzione, fino al 65%.

 

Ugo Tagliaferri compie una misura con luminanzometroL'Osservatorio di Campo Catino ringrazia l'Ing. Luigi Carrarini, che ha giudicato molto importante il rapporto di collaborazione con ANAS tanto da auspicarne la continuazione anche per altre realizzazioni, per averlo coinvolto in modo paritetico e trasparente nel controllo dei lavori svolti.

E' la prima volta in Italia che si consolida una collaborazione di questo tipo per un impianto di tali dimensioni.

 

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.