A FROSINONE LA SECONDA GIORNATA DI STUDIO PER IL MIGLIORAMENTO DELL’ILLUMINAZIONE PUBBLICA Stampa
Scritto da Lauro Fortuna   
Martedì 05 Giugno 2012 09:54

Si terrà a Frosinone, presso la Sala Conferenze della Cassa Edile alle ore 9.30 del prossimo 8 Giugno, la seconda giornata di studio, organizzata dall’Associazione Nazionale Specialisti Agenti Fisici (ANSAF) e dall’Osservatorio Astronomico di Campo Catino, con il patrocinio e il finanziamento della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio, per illustrare “le soluzioni tecniche per la riduzione dei consumi energetici e dell’inquinamento luminoso secondo la L.R.23/2000 ed il Reg. Att. 8/05”. 

L’evento ha ottenuto anche il patrocinio dell’Ordine degli Ingegneri di Frosinone nonché dei Collegi dei Geometri e dei Periti Industriali di Frosinone. Dopo il successo di quello tenutosi a Cassino il 18 Maggio il Convegno si sposta nel comune capoluogo che, per primo in Italia, dal 1996, ha iniziato ad applicare le norme sulla limitazione dell’inquinamento luminoso.


I relatori, tutti specialisti del settore, daranno una panoramica completa della legislazione vigente e spiegheranno anche come raggiungere gli obbiettivi da questa promossi e tutelati con le moderne tecnologie.

Dopo i saluti introduttivi dell’On. Mario ABBRUZZESE Presidente del Consiglio Regionale del Lazio che ha patrocinato l’iniziativa per la competenza specifica della Regione prenderà la parola il Presidente ANSAF Dr. Franco MICOZZI.

Si entrerà poi nel vivo del Convegno con gli interventi del Dr. Aldo PALOMBO, Dirigente dell’Area Conservazione Qualità Ambiente della Regione Lazio, che parlerà della normativa regionale e dell’impegno dell’Assessorato all’Ambiente per il rispetto della L.R. 23/2000. A seguire l’Avv. Mario DI SORA, Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino, illustrerà le cause fisiche dell’inquinamento luminoso ma anche i danni che questo arreca anche alle piante, agli animali e all’uomo, provocando ormai, in alcuni casi, anche il cancro.

L’Ing. Giovanni DI MEO dell’ARPA di Frosinone spiegherà come vengono effettuare le misure sull’inquinamento luminoso e come l’ARPA controlla il territorio. Dedicate invece alle tecnologie di risparmio energetico le relazioni dell’Ing. Mauro RAPONI che parlerà dei corpi illuminanti a LED della Smart-Power e del P.I. Mauro BRACAGLIA, Presidente dei Periti Industriali di Frosinone, che spiegherà il funzionamento dei riduttori di flusso negli impianti di illuminazione.

L’intervento dell’Ing. Angelo PERCIBALLI, noto illuminotecnico, verterà invece sull’importanza dell’efficienza energetica come via maestra per le amministrazioni comunali.

E’ ormai noto che la Regione Lazio nel 2000, su proposta proprio dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino, ha approvato una delle leggi più avanzate, in campo mondiale, in materia di risparmio energetico e inquinamento luminoso; però ancora oggi sono molti i Comuni, ma anche i soggetti privati, che non la conoscono o non l’applicano. Per questo motivo, secondo stime approssimate per difetto, le pubbliche amministrazioni sperperano, ogni anno, da un minimo del 30% ad un massimo del 60% per i costi di energia, di gestione e di realizzazione degli impianti di illuminazione. In totale circa 400 milioni di €/annui al livello nazionale.

Il solo Comune di Roma, dal 2000 ad oggi e attraverso le varie amministrazioni, ha dilapidato qualcosa come 100 milioni di € per il mancato rispetto dei criteri tecnici della normativa vigente. Pali in eccesso, potenze esuberanti, sorgenti di luce poco efficienti, dispersioni di flussi verso il cielo e omessa utilizzazione dei dispositivi di risparmio energetico fanno dell’Italia, ed il Lazio è su questa linea negativa, il paese europeo dove più si spende per le luci delle città, quasi il doppio rispetto la Germania per essere chiari!

Per questo motivo più volte la Regione Lazio, tramite l’Assessorato all’Ambiente, ha diramato delle circolari informative sull’esatta applicazione della L.R. 13/4/2000 n° 23. Per un comune di circa 50.000 abitanti, tipo Frosinone, sono ipotizzabili circa 200.000 € di risparmio annuale e, di questi tempi, non sarebbe male andare in questa direzione. Per questo motivo la Presidenza del Consiglio Regionale ha deciso di rendere possibile un aggiornamento tecico-legislativo al servizio di tutti i Comuni ciociari.

Per questo motivo più volte la Regione Lazio, tramite l’Assessorato all’Ambiente, ha diramato delle circolari informative sull’esatta applicazione della L.R. 13/4/2000 n° 23. Per un comune di circa 50.000 abitanti, tipo Frosinone, sono ipotizzabili circa 200.000 € di risparmio annuale e, di questi tempi, non sarebbe male andare in questa direzione. Per questo motivo la Presidenza del Consiglio Regionale ha deciso di rendere possibile un aggiornamento tecico-legislativo al servizio di tutti i Comuni ciociari.

Le iscrizioni, da fare pervenire rispettivamente entro il 6 Giugno per Frosinone, vanno inoltrate: al fax 06/233.20.21.02 o via mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Il programma completo è disponibile anche sul sito dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino: www.campocatinobservatory.org

La partecipazione è gratuita e verranno rilasciati i crediti formativi e attestati per coloro che interverranno ove concessi dagli enti di appartenenza.


IL DIRETTORE

Avv. Mario DI SORA


Seguici su FacebookTwitter e Google+ per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.