Benvenuti nel sito ufficiale dell'Osservatorio Astronomico di CampoCatino
Nelle sezioni del nostro sito troverete gli eventi organizzati, le scoperte di asteroidipianeti extrasolari compiute dal nostro Staff, le spedizioni scientifiche verso gli osservatori astronomici più famosi del mondo, le foto degli oggetti celesti realizzate nel corso degli anni, la nostra battaglia contro l'inquinamento luminoso. Buon viaggio!!!

Belle sono le cose che vediamo, ancor più belle quelle che comprendiamo, ma di gran lunga le più belle sono quelle che non comprendiamo. [Nicola Stenone, 1638-1686]

Seguici su Google+ Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici tramite Feed RSS


I.E.S.N. Rete Sismica Sperimentale Italiana

DISPONIBILI IN RETE I DATI METEO RACCOLTI DALLA STAZIONE DELL'OSSERVATORIO DI CAMPO CATINO

Da domenica 11 marzo sono disponibili, sul sito web dell'Osservatorio, tutti i dati meteo raccolti dalla Stazione Davis Vantage Pro2.

Il traguardo della messa on line dei dati è importantissimo in quanto la stazione si trova a quota 850 hpa, l'altezza da dove si sviluppano il 90% delle previsioni meteo. Inoltre sarà possibile avere sotto controllo la colonna d'aria a partire dalla stazione di Guarcino fino ad arrivare a quota 1806 di Campocatino conca.

Quindi diventerà agevole, rapportando le termiche e i Dew Point alle varie quote, calcolare con precisione quale sarà la quota neve nella nostra zona in caso di precipitazioni. Fino ad oggi i dati raccolti erano disponibili sul sito in sola forma di archivio ma non in tempo reale. Si ringrazia per il supporto tecnico fornito, per il raggiungimento di tale obiettivo strategico, Maurizio Cruciani, Alfredo Collalti e tutto lo staff del gruppo Meteo in particolare Maurizio Morini e Renzo Rosato.

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

L'OSSERVATORIO DI CAMPO CATINO PARTECIPA AL TEAM INTERNAZIONALE DI RICERCA, PROMOSSO DALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA, SULL'IMMINENTE DISTRUZIONE

L'Osservatorio Astronomico di Campo Catino e il gruppo S5 Lab dell'Università La Sapienza di Roma di nuovo insieme per effettuare misure di luminosità del satellite cinese Tiangong-1 ormai fuori controllo da più di un anno. L'attività è importante per riuscire a individuare l'orientamento del satellite prima dell'impatto nell'atmosfera ormai imminente. E' dato per certo che ci potrà essere, come  conseguenza, una eventuale pioggia di detriti di parti non completamente bruciate al rientro in atmosfera nella zona compresa tra il 43° parallelo nord e il 43° parallelo sud.

Articolo uscito su www.agi.it

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

IL PRESIDENTE UAI PRENDE POSIZIONE SUL FARO USATO DAL COMUNE DI VENEZIA PER I 100 ANNI DI PORTO MARGHERA

 

 

 

 

 

 

 

Scarica l'intervento del presidente UAI.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

INTERVENTO DELL'OSSERVATORIO DI CAMPO CATINO A TRE IMPORTANTI CONVEGNI DI FROSINONE E ROMA SUI CONTROLLI AMBIENTALI, SUI CAM E SULL'INCIDENZA DELLA LUCE SULLA MELATONINA

Il Presidente UAI Mario Di Sora (Direttore dell'OACC) parteciperà con delle relazioni a ben tre convegni di grande rilevanza, fissati per il 19, il 23 ed il 26 gennaio sulla tematica dell'inquinamento luminoso e della sua incidenza  sul risparmio energetico e sulle forme di vita.

Il primo, del 19 gennaio a Roma, riguarderà "Lo stato dei controlli ambientali a Roma" ed è organizzato dall'ANSAF. I lavori si svolgeranno dalle  9 alle 13.30  presso l'ABITART HOTEL in Via Pellegrino Matteucci, 10 - vicino la Stazione Ostiense.

La relazione di Mario Di Sora illustrerà l'opera di controllo effettuata in questi anni, sul territorio della Capitale, per il rispetto della L.R. 23/2000 e che ha visto l'Osservatorio di Campo Catino collaborare con i vari Gruppi della Polizia  Locale e con l'ARPA, con oltre 300 interventi che hanno rilevato ben 408 violazioni. Un numero certamente  ridotto, se paragonato alle dimensioni di Roma, ma anche il primo esperimento ed esempio, al livello mondiale, di un'attività di questo genere.

Il 23 gennaio invece si parlerà  dei CAM (Criteri Ambientali Minimi) stabiliti dal Ministero dell'Ambiente per una compatibilità ambientale a tutto campo dei corpi illuminanti e dei nuovi impianti di illuminazione. L'evento, organizzato da HeraLuce e dal Ministero dell'Ambiente, si terrà dalle 9.30 alle 12.30 presso il Salone della provincia di Frosinone e vedrà un contributo dell'OACC sulle misure di luminosità del cielo effettuate in alcuni comuni dopo il passaggio dalle sorgenti a scarica a quelle a led.

Da ultimo, il 26 gennaio, ancora a Roma presso il prestigioso complesso dell'Ara Pacis, si parlerà dell'effetto della luce sulla melatonina – inquinamento luminoso ed impatto sulla salute: dal feto all'età adulta. Si cercherà di mettere a fuoco, con l'intervento di studiosi di vari settori, in special  modo medici, la problematica dell'eccesso di esposizione alla luce artificiale e le sue conseguenze sulla vita  umana. In questo contesto l'intervento del Presidente  UAI  verterà sul rapporto tra  violazioni alle normative sull'inquinamento luminoso e casi di luce intrusiva che interferiscono con la vita nelle nostre case durante la notte.

Ancora una volta si dimostra quindi, dopo anni di battaglie solitarie condotte dagli astrofili, che quello dell'inquinamento luminoso è un problema che riguarda tutti e che merita di essere studiato in tutte le sue componenti.

Per maggiori dettagli vedere i programmi pubblicati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

L'EVOLUZIONE DELL'UNIVERSO A GUARCINO ATTRAVERSO L'USO DEL TELESCOPIO

Studiare e comprendere l'Universo, grazie all'impiego del telescopio, è quello che fanno gli astronomi da oltre 400 anni e cioè da quando Galileo Galilei, per primo, rivolse questo straordinario strumento vero il cielo scoprendo i satelliti di Giove, i crateri della Luna e le macchie solari.

Questo il tema della conferenza "l'UNIVERSO NEL TEMPO" che il Direttore dell'OACC Mario Di Sora terrà a Guarcino il prossimo 2 gennaio.

L'evento, aperto al pubblico e di taglio assolutamente divulgativo,  si terrà presso la Sala Consiliare del Comune, con inizio alle ore 17.

Il relatore, che ha preparato personalmente le 30 slides che costituiscono il filo conduttore dell'incontro, partirà illustrando la concezione dell'Universo prima di Galileo in base alla teoria geocentrica di Tolomeo per poi spiegare in cosa sia consistita la rivoluzione galileiana che ha portato alla nascita della fisica moderna e del metodo scientifico nei primi anni del 1600.

Il viaggio continuerà con la scoperta di Newton sulla gravitazione  universale e sulla grande invenzione da parte dello scienziato inglese del telescopio a riflessione, riuscito ad imporsi su quelli a lente nel corso del XX secolo.

William Herschel, scopritore di Urano e Lord Ross, l'astrofilo che per primo rilevò la struttura a spirale del galassie nel 1845 con il suo strumento da 1.80 metri, sono i ricercatori di punta nel XIX secolo.

Con l'avvento del grande riflettore da 2,5 metri di Monte Wilson emerge la figura di Edwin Hubble l'astronomo che scoprì l'espansione dell'Universo e la recessione delle galassie fornendo così la prova del Big-Bang.

Dopo trent'anni di dominio del 5 metri di Monte Palomar, inaugurato nel 1949,  passeranno in rassegna  i grandi telescopi del Mauna Kea, il nuovo LBT in Arizona ed il VLT in Cile, attualmente il più grande del mondo con i suoi 16 metri di apertura.

Uno sguardo sui grandi telescopi del prossimo futuro il  GMT da 25 metri e l'E-ELT da 39 metri permetterà di capire come,  a breve e anche con l'uso dei radiotelescopi come ALMA,  sarà possibile scoprire forme di vita o civiltà su uno dei nuovi pianeti extra-solari che vengono rilevati sempre in maggior numero.

Un viaggio avvincente che in poco più di un'ora attraverserà 4 secoli di storia e le più importanti scoperte cosmologiche conseguite dagli studiosi del cielo.

Scarica la locandina dell'evento.

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 
Banner
Banner
ALL SKY
Ultime immagini Meteosat da EUMETSAT


by SDAC NASA

Moon Phase
by USNO
by I.E.S.N.