Benvenuti nel sito ufficiale dell'Osservatorio Astronomico di CampoCatino
Nelle sezioni del nostro sito troverete gli eventi organizzati, le scoperte di asteroidipianeti extrasolari compiute dal nostro Staff, le spedizioni scientifiche verso gli osservatori astronomici più famosi del mondo, le foto degli oggetti celesti realizzate nel corso degli anni, la nostra battaglia contro l'inquinamento luminoso. Buon viaggio!!!

Belle sono le cose che vediamo, ancor più belle quelle che comprendiamo, ma di gran lunga le più belle sono quelle che non comprendiamo. [Nicola Stenone, 1638-1686]

Seguici su Google+ Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici tramite Feed RSS


I.E.S.N. Rete Sismica Sperimentale Italiana

SI CONCLUDE CON DUE SERATE AL TELESCOPIO IL PROGETTO TUTTI CON IL NASO ALL'INSU' AL PLESSO CAVONI DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO IV"

Con due serate di osservazione ai telescopi, di martedi 29 e mercoledi 30, si porta a compimento il progetto Tutti con il naso all'insù svolto presso la primaria del Plesso Cavoni e ideato dalle maestre dell'Istituto con il patrocinio dall'Osservatorio Astronomico di Campo Catino e dall'UAI.

 

Il programma, che prevedeva tre lezioni sul Sistema Solare, le stelle e la Luna nonché l'osservazione delle macchie solari, viene ora arricchito e completato con la visione della Luna e dei pianeti Venere e Giove con gli strumenti didattici della Specola di Campo Catino.

L'evento, aperto anche ai genitori dei giovani studenti, inizierà alle ore 21 e si terrà con l'intervento di Mario Di Sora, Giovanni Isopi, Franco Mallia e Ugo Tagliaferri, tutti ricercatori dell'OACC.

Clicca qui per scaricare la locandina.

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

LA STORIA DELL'UNIVERSO ALL'ISTITUTO NICOLUCCI-REGGIO NELL'AMBITO DEL MAGGIO ISOLANO

Sabato 12 maggio, alle ore 10 presso l'istituto Nicolucci-Reggio di Isola Liri, il Direttore dell'OACC Mario Di Sora presenterà la sua conferenza “L'Universo nel tempo” che illustra l'evoluzione della conoscenza del Cosmo grazie all'uso del telescopio da Galileo ad oggi.

L'evento, dedicato agli studenti ma aperto anche al pubblico, è di taglio assolutamente divulgativo e rientra nel programma organizzato dalla SOMS (Società Operai Mutuo Soccorso) nell'ambito della manifestazione del maggio isolano.

Il relatore, che ha ideato personalmente le slides che costituiscono il filo conduttore dell'incontro, illustrerà la concezione dell'Universo prima di Galileo secondo la teoria geocentrica di Tolomeo per poi spiegare la rivoluzione galileiana che ha portato alla nascita della fisica moderna e del metodo scientifico nei primi anni del 1600.

Il viaggio continuerà con la scoperta di Newton sulla gravitazione universale e sulla grande invenzione da parte dello scienziato inglese del telescopio a riflessione.

William Herschel, scopritore di Urano e Lord Ross, l'astrofilo che per primo rilevò la struttura a spirale delle galassie nel 1845 con il suo Leviatano da 1.80 metri, sono i ricercatori di punta nel XIX secolo.

Il grande riflettore da 2,5 metri di Monte Wilson introduce la figura di Edwin Hubble l'astronomo che scoprì l'espansione dell'Universo e la recessione delle galassie fornendo così la prova del Big-Bang.

Dopo il lungo dominio del 5 metri di Monte Palomar, inaugurato nel 1949, passeranno in rassegna i grandi telescopi del Mauna Kea, il nuovo LBT in Arizona ed il VLT in Cile, attualmente il più grande del mondo con 16 metri di apertura.

L'incontro con i grandi telescopi del prossimo decennio, il GMT da 25 metri e l'E-ELT da 39 metri, permetterà di capire come, a breve e anche con l'uso dei radiotelescopi come ALMA,  sarà possibile scoprire forme di vita o civiltà su uno dei nuovi pianeti extra-solari che vengono rilevati ormai periodicamente.

Un importante evento divulgativo che verrà offerto agli studenti isolani grazie all'iniziativa promossa dal Presidente della SOMS Enzio Bartolomucci, da sempre attento alle attività dell'Osservatorio di Campo Catino.

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

RIPRESA A CAMPO CATINO L'OCCULTAZIONE DI UNA STELLA DA PARTE DI ELEKTRA

L'Osservatorio Astronomico di Campo Catino ha seguito, sabato 21 aprile alle 02:23, ora italiana, l'asteroide 130 Elektra che ha occultato una stella di magnitudine 11.6 nella costellazione di Ofiuco.

Il filmato, ripreso con il telescopio di 80 cm, mostra la scomparsa della stella occultata dall'asteroide con un calo di 1,6 magnitudini arrivando alla 12,91 di Elektra.

Ci sono due modelli che ne teorizzano la forma, ricavati dall'inversione della curva di luce.

In questo caso l'occultazione potrebbe far propendere decisamente per uno dei due ed è da notare la presenza di due lune di tale asteroide, scoperte con ottiche adattive, che orbitano ad una distanza massima di 1.300 km dal corpo principale.

Le stesse presentano diametri rispettivamente di circa 7 km e 5 km e quindi potrebbero produrre brevi occultazioni secondarie della possibile durata di 0,6 e 0,8 secondi.

Elektra è un grande asteroide, di circa 180 Km di diametro, orbitante nella fascia principale e scoperto nel 1873 dall'astronomo tedesco Friedrich Peters. Nel 2003 è stato scoperto a Mauna Kea il primo dei due piccoli satelliti. Il periodo di rotazione dell'asteroide è di 5,22 ore e la sua distanza dalla Terra è di circa 400 milioni di km. Tutti i dati sono stati inviati al Euraster, il centro europeo di osservazione delle occultazioni asteroidali.

 

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

INIZIA PRESSO IL PLESSO CAVONI DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO IV° IL PROGETTO "UNO SGUARDO VERSO IL CIELO" IN COLLABORAZIONE CON L'OSSERVATORIO DI CAMPO CATINO E L'UAI

Con una prima lezione sul Sistema Solare, tenuta lunedi 23 aprile da Mario Di Sora e Giovanni Isopi presso la primaria del Plesso Cavoni, è stato inaugurato il progetto "Tutti con il naso all'insù - Uno sguardo verso il cielo", ideato dalle maestre dell'Istituto e patrocinato dall'Osservatorio Astronomico di Campo Catino e dall'UAI.

Il programma prevede altri due incontri nei giorni 24 e 26 aprile per parlare di stelle, Luna e macchie solari con Franco Mallia e Ugo Tagliaferri.

Dopo le conferenze tutti gli studenti, a piccoli gruppi, hanno la possibilità di vedere le macchie solari attraverso un telescopio con filtro in mylar.

 

A completamento di questo importante progetto, dal 29 al 31 maggio, si terranno tre serate per l'osservazione della Luna, di Venere e Giove, aperte anche ai genitori dei bambini della primaria, con i telescopi messi a disposizione dall'Osservatorio di Campo Catino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 

IL PRESIDENTE UAI MARIO DI SORA A SKY TG 24 PER PARLARE DELLA TIANGONG 1

Il Presidente UAI Mario Di Sora è stato ospite ieri, per una lunga intervista rilasciata nel programma di approfondimento Dentro i fatti, negli studi di Sky Tg 24.

L'intervento ha riguardato l'imminente caduta della Tiangong, 1 sfuggita al controllo dei tecnici cinesi ormai da due anni, e ormai attesa in rientro nell'atmosfera probabilmente nel corso del giorno di Pasqua.

Oltre a spiegare come si verificherà il fenomeno della caduta della stazione spaziale e la bassa probabilità che possa arrecare danni a cose e persone Mario Di Sora ha anche parlato, più generalmente, del problema dei detriti spaziali e della necessità del loro monitoraggio da parte di Istituti di ricerca ed Agenzie spaziali.

Peraltro l'Osservatorio di Campo Catino è stato tra i pochi in grado di rilevare uno dei passaggi della Tiangong 1, unitamente a quello della Montagna Pistoiese, evidenziando il ruolo degli astrofili anche in questo settore.

Nel corso del programma è andato in onda anche un contributo dell'astronauta Paolo Nespoli che ha chiarito la sostanziale improbabilità che i residui del satellite possano arrivare fino al suolo con potenzialità di danneggiamento.

A conclusione dell'intervista si è anche parlato, con riferimento alle esplorazioni spaziali del futuro, dei progetti che riguardano la conquista di Marte con lo sbarco di un equipaggio umano sul pianeta rosso entro il 2030.

Seguici su Facebook, Twitter e Google+ o iscriviti alla mailing list: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per rimanere aggiornato su tutto ciò che riguarda l'Osservatorio Astronomico di CampoCatino.

 
Banner
Banner
ALL SKY
Ultime immagini Meteosat da EUMETSAT


by SDAC NASA

Moon Phase
by USNO
by I.E.S.N.